mercoledì 1 giugno 2016

MIGUEL, 19 ANNI, DIFENDE UN CAGNOLINO E VIENE UCCISO CON UN COLPO DI MACHETE


BOGOTA' - Miguel Ángel Palacios era un ragazzino colombiano di 19 anni che ha perso la vita affrontando un uomo ubriaco armato di machete. Il tutto per difendere un cagnolino che l’uomo stava per decapitare.
DA SEMPRE UN AMICO DEI CANI
Miguel, racconta il quotidiano della Colombia El Tiempo, ha sempre avuto una grande passione per gli animali. Già all’età di 15 anni si occupava dei cani in difficoltà e aveva organizzato una raccolta di fondi nel suo quartiere per aiutare un’associazione animalista locale. COME SI E' SVOLTA LA TRAGEDIA
La tragedia si è verificata a Envigado (Colombia). Alle 6 della mattina Juan Pablo, fratello di Miguel, si accorge che un 33enne sta maltrattando un cagnolino e vuole decapitarlo con un machete. Così cerca di farlo desistere dal gesto urlandogli contro. Di fronte alle minacce dell’uomo, visibilmente ubriaco, il ragazzo corre a chiamare il fratello. I due decidono di prendere insieme le difese del cane, ma l’uomo li aggredisce con il machete. Juan Pablo e Miguel finiscono entrambi in ospedale, ma quest’ultimo non riesce a sopravvivere a causa di una frattura al cranio e delle lesioni a cuore e polmoni. L’uomo è stato poi arrestato.

1 commento:

  1. Non ci sono parole, Sono dispiaciuto per la fine di questo Ragazzo che voleva difendere quel cucciolo. Io spero che in carcere chi ha ucciso Miguel. lo frustino tutti i giorni.

    RispondiElimina

lascia un commento